Recensione: 1000 motivi per uccidere

Cari, vorrei lasciarvi il mio pensiero su un libro carino che ho letto in queste settimane, edito Elison Publishing.

Titolo: 1000 motivi per uccidere

Autore: Ethan Riot

Editore:  Elison Publishing

TRAMA

L’avvocato Pasquale Bartolucci ha il pallino dei serial killer e della cronaca nera, a saziare la sua fama di storiacce è il gagliardo sacerdote Roberto Molinari, che, in cambio di una colazione offerta, gli racconta volentieri alcune confessioni da lui ascoltate, confessioni di veri omicidi! Così almeno sostiene Roberto, Pasquale però, pur apprezzando le sue novelle, non gli crede, ma storia dopo storia, l’avvocato inizierà ad avere davanti agli occhi i tasselli di uno strano puzzle.

Ho trovato questa lettura abbastanza lineare e scorrevole.
Il prologo è costituito da una riflessione che introduce il lettore nella visione della vicenda e ogni capitolo viene indicato come una confessione.
Sono stata catturata dalla trama e ho deciso di leggere questa opera.
Anche se inizialmente mi è sembrato un tipo di scrittura titubante e un poco acerba, ho proseguito la lettura con tranquillità, ricredendomi sul questa prima impressione.
Andando avanti, infatti, la narrazione acquista dinamicità e sicurezza.
Il linguaggio adottato, seppur semplice, è adatto al contesto e non esagerato, l’autore è riuscito a mantenere un profilo di suspense lungo la narrazione e a trasmettere una sensazione di inquietudine (che sale pian piano andando avanti con la lettura).
È una buona cosa e non me l’aspettavo! Sono rimasta felicemente stupita!
Mi è piaciuto, mi ritengo soddisfatta della lettura e la consiglio per la semplicità e la chiarezza, ma anche per un primo approccio al genere. Buona lettura!

Il libro è disponibile nelle varie librerie e store online. Disponibile su Amazon.it!

– Lilith Hendrix

(In collaborazione con Elison Publishing)

Per proposte di collaborazioni, recensioni, informazioni, consigli: lilith.hendrix@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.